15 febbraio 2012 redazione@ciociaria24.net

Anche a Ceccano si firma contro i privilegi della “casta”

Anche a Ceccano inizia la raccolta firme per rendere “illegale” il trattamento privilegiato della classe politica. Ad aggiungere il comune fabraterno a tutti quelli che in Italia si sono attivati per raccogliere le firme utili alla legge di iniziativa popolare, è stato il sociologo Maurizio Lozzi, referente locale del gruppo nazionale NTRP nato su Facebook. La legge di iniziativa popolare che, ai sensi degli Art. 7 e 48 della L. 25 maggio 1970 n. 352, la Corte Suprema di Cassazione l’ha già annunciato sulla GU n. 227 del 29 settembre 2011 ed è ora sottoscrivibile da tutti i ceccanesi presso la Segreteria generale di P.zza Municipio negli orari di apertura del Comune. Precisa Lozzi che “l’iniziativa, nata in modo trasversale ai partiti e promossa dal gruppo Facebook “Nun Te Regghe Più”, dal titolo della famosa canzone di Rino Gaetano, ha come obiettivo la promulgazione di una legge di iniziativa popolare formata da un unico articolo”. Questo testualmente recita: “I parlamentari italiani eletti al Senato della Repubblica, alla Camera dei Deputati, il Presidente del Consiglio, i Ministri, i Consiglieri e gli Assessori regionali, provinciali e comunali, i Governatori delle regioni, i Presidenti delle province, i Sindaci eletti dai cittadini, i funzionari nominati nelle aziende a partecipazione pubblica, ed equiparati non debbono percepire, a titolo di emolumenti, stipendi, indennità, tenuto conto del costo della vita e del potere reale di acquisto nell’unione europea, più della media aritmetica europea degli eletti negli altri paesi dell’unione per incarichi equivalenti”. Tocca ora ai ceccanesi sottoscrivere questa iniziativa completamente autofinanziata dai promotori e dai referenti territoriali. 50.000 firme sono il minimo richiesto per la presentazione della proposta, 80.000 sono il numero necessario per sopperire ad eventuali errori nella raccolta, ma il vero obiettivo è quello di raccogliere le firme di tutti i cittadini stanchi di mantenere i privilegi della casta. “Una firma – dice Lozzi – non costa molto, continuare a restare indifferenti costa molto di più e dato che ne mancano appena 6.000 ora Ceccano, come tante altre città, ha questa opportunità e tempo per firmare presso il comune dove la raccolta si chiuderà il prossimo 15 marzo”. I progressi dell’iniziativa sono comunque visibili sul sito www.leggentrp.it

Maurizio Lozzi

Menu