sabato 26 ottobre 2013 redazione@ceccano24.it

Angelino Stella a Del Brocco e Ciotoli: “La verità mi fa male, lo sai!”

La verità fa male e attaccano Angelino Stella. Per distogliere l’attenzione dall’inciucio tra maggioranza e opposizione sull’aumento delle tariffe delle mense, i furboni, pensano solo agli insulti avvenuti nell’ultimo consiglio tra Cerroni e Caligiore e tra Del Brocco e Conti, chiedendo due consigli comunali in proposito. Una vera vergogna, perché delle loro sceneggiate e mediocrità di basso profilo politico,alla comunità, non interessa assolutamente nulla.

Mentre i consigli sulle tariffe mense  e trasporto scolastico, sull’ambiente, sul pronto soccorso, sulla  privatizzazione per la raccolta differenziata aumentata del 30%, sulla gestione idrica,non vengono convocati. Ma invece di chiedere scusa alla collettività, i protagonisti in negativo della vicenda attaccano lo scrivente che ha scoperto le loro piroette politiche. Negli anni 60, una canzone cult recitava: “la verità mi fa male lo sai”! Ecco queste parole che hanno canticchiato intere generazioni, si applicano benissimo alla scomposta e sorprendente risposta contro la mia persona, che i due giovani rampanti consiglieri Del Brocco Rioccardo e Ciotoli Camillo, hanno fornito  sulla stampa, alla mia denuncia di inciucio avvenuto in commissione consiliare, tra la maggioranza e la minoranza sull’aumento sconsiderato delle rette delle mense scolastiche e trasporto.

La loro opposizione come affermato:proiettata al futuro (sic!), diversa dalla mia arrivata a loro dire al tramonto, è quella tipicamente chiamata costruttiva. Quella per intenderci,che porta allo scambio di appoggi e simpatie tra i potenti del palazzo. Io non applico tale forma costruttiva perché a rimetterci come in questo frangente, sono sempre i cittadini. Non a caso la vicenda mensa è emblematica sulle due forme di opporsi a chi governa. Riepilogando: la giunta Maliziola con delibera n. 288 del 15/10/13( già inserita sul sito del comune), presenti tutti e 4 gli assessori vara la revisione delle tariffe delle mense  e del trasporto scolastico e per dare forza politica alla grave decisione, cita testualmente nell’atto:”visti i verbali della II^ commissione nelle sedute del 18/09/13 e del 10/10/13 dove sono stati espressi i pareri positivi in merito alle nuove tariffe. I componenti della commissione sono 5. 3 di maggioranza con presidente Giulio Conti e 2 di minoranza, appunto i due rampanti consiglieri “proiettati verso il futuro” Del Brocco Riccardo e Ciotoli Camillo. Il verbale non è stato ancora approvato come di consuetudine lo farà la successiva commissione, ma la forma non cambia, atteso che tutti i soggetti presenti, compreso il presidente Giulio Conti, nonchè il funzionario preposto al settore hanno confermato allo scrivente il parere unanime della commissione al nuovo piano tariffario.

E qui torniamo all’opposizione costruttiva. I due baldi giovani dal 18 settembre sapevano dell’intenzione della maggioranza di aumentare le tariffe, ma si sono guardati bene dal raccontarlo o contestarlo pubblicamente per cercare di bloccare le stesse prima della delibera del 15/10/13 che le ha varate, coinvolgendo le centinaia di famiglie oggi disperate ed anche gli altri consiglieri di opposizione. All’accusa rivolta nei miei confronti dai due colleghi di inciucio con la Maliziola, ancora evidentemente confusi per la batosta elettorale del 2012 figlia del loro tradimento guidato da Ruspandini e Caligiore verso la mia candidatura a sindaco concordata alle provinciali del 2009, che ci avrebbe permesso di vincere al 1° turno,  rispondo :che lo scrivente ha lasciato libertà di scelta di voto ai propri elettori che si sono divisi al 2° turno tra Ruspandini e Maliziola. Ma la maggioranza degli stessi non avendo nel proprio DNA un enzima in grado di digerire la parola tradimento(l’atto peggiore in ogni contesto), costretti dalle regole democratiche del consenso, hanno scelto il male minore. Lo scrivente per principio nella  cabina elettorale non ha espresso alcuna preferenza, dichiarando però che eticamente e moralmente non avrebbe mai potuto votare per Ruspandini. Punto.

Ceccano 26/10/13
Il consigliere comunale  Angelino  Stella

DOPO AVER LETTO QUESTO ARTICOLO MI SENTO
  • INDIGNATO
  • TRISTE
  • INDIFFERENTE
  • ALLEGRO
  • SODDISFATTO
VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO?
Per ricevere le nostre notizie su smartphone o tablet: clicca qui e scarica la nostra App gratuita
I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA