3 novembre 2012 redazione@ciociaria24.net

Ceccano, arsenico oltre i limiti nell’acqua? (di Pietro Alviti)

Sarebbe una quantità eccessiva d’arsenico ad aver reso non potabile l’acqua a Ceccano. E siamo già alla quarta o quinta volta che il pericoloso elemento viene trovato in quell’acqua che invece dovrebbe essere potabile. Continua  l’agonia della distribuzione idrica nella cittadina fabraterna che nel passato vantava ben 33 sorgenti e che addirittura aveva vagheggiato di imbottigliare l’acqua di Celleta. Ora invece, Acea Ato 5  dà ai cittadini acqua con arsenico, pretendendo però che paghino le bollette come se ricevessero acqua potabile. Così, dopo l’aria irrespirabile e le inevitabili prossime restrizioni al traffico veicolare, l’inquinamento del fiume e dei campi, del latte bovino e delle verdure,  ora è la volta dell’acqua. Lo sforamento sarebbe di basso livello ma c’è. Poveri noi.

Pietro Alviti’s Weblog

Menu