Ceccano, rischio falde contaminate: Caligiore vieta uso acqua in zona Viscolube

Nella giornata di ieri, il sindaco di Ceccano ha emesso un’ordinanza con la quale «vieta di attingere l’acqua per scopi potabili o per uso irriguo e zootecnico dai pozzi privati presenti in un raggio di 500 metri dallo stabilimento Viscolube». La notizia è riportata da www.ilmessaggero.it.

La decisione – continua il quotidiano capitolino – è stata presa «nelle more dell’accertamento del reale stato di inquinamento: è per questo che il Comune procederà, tramite una ditta specializzata, ad analizzare alcuni campioni di acqua prelevati da 5 pozzi in zona».

Menu