Ceccano: Trafugata la stele in ricordo delle vittime del terrorismo (di Antonio Nalli)

Scomparsa la stele commemorativa in ricordo delle vittime del terrorismo. Era stata posta in viale della Libertà nel lontano marzo del 1980, al fine di rendere tangibile il ricordo di tutte quelle persone assassinate, in Italia, per mano del terrorismo armato, a tutela della libertà e della democrazia.

Era, all’epoca, la risposta della società civile e delle istituzioni locali preposte ad un terrorismo di colore politico che ha tinto per sempre la memoria di quegli anni con il colore del sangue ed il peso del piombo.

Nelle scorse settimane, ad opera di ignoti, la lapide aveva subito un  primo danneggiamento.

Si era pensato al gesto isolato di qualche vandalo, come del resto ha raccontato il vice-sindaco Pasquale Casalese. L’Amministrazione comunale aveva dunque provveduto a ripristinare lo stato dei luoghi con un intervento che, però, ha avuto la durata di sole poche ore.

Di nuovo, infatti, sembra essersi ripetuto l’insano accanimento verso la stele, verso il significato e nei confronti delle vittime del terrorismo degli anni di piombo, lasciando intendere questa volta, la precisa volontà da parte degli autori, ancora ignoti, che addirittura sono arrivati a trafugare la lapide di marmo, asportata, nonostante il peso, dalla base stessa del monumento, anch’essa  finita per essere danneggiata.

Un gesto, purtroppo, passato inosservato agli occhi di tante persone, ma che certamente non può essere sottovalutato da un’attenta analisi dell’accaduto, che addirittura potrebbe avere proprio quella stessa matrice politico-ideologica, che a distanza di tempo, si riteneva, magari, soltanto il frutto di “epoche lontane”.

L’assenza della lapide, così, è stata notata soltanto nella mattinata di ieri, nel corso della processione di San Rocco, con la quale si accompagna il Santo dalla sua Chiesa madre, posta alla periferia della città, fino alla Collegiata di San Giovanni Battista, nel cuore del centro storico e passando, dunque, anche per viale della Libertà.

Tra i fedeli passanti, qualcuno ha voltato lo sguardo verso quel luogo, notando l’assenza della lapide: <Ci sono tornato per curiosità, al termine della processione e mi sono reso conto – ha raccontato l’uomo – che la mia non era stata solo un’impressione>.

L’accaduto è stato segnalato alle competenti autorità che ora cercheranno di risalire alla dinamica e possibilmente anche al suo o ad i suoi autori.

Fonte http://antonionalli.wordpress.com/2012/08/16/ceccano-trafugata-la-stele-in-ricordo-delle-vittime-del-terrorismo/

Menu