Convocata questa mattina la prima Commissione Consiliare “Urbanistica e politiche del territorio”

Questa mattina presso il Municipio si è riunita la prima Commissione Consiliare “Urbanistica e politiche del territorio”, già convocata dalla scorsa settimana alla presenza dei consiglieri Carlini Filippo, Montoni Giovanni, Spinelli Mario, Cerroni Maurizio e Del Brocco Riccardo.

Hanno partecipato inoltre il Sindaco avv. Manuela Maliziola e il dirigente del III settore, arch. Frank Ruggiero.

Punto all’ordine del giorno la zona mista del Piano Asi.

Il Consorzio Asi è dotato di una variante Generale al Piano Territoriale Regolatore, approvata dalla Regione Lazio con Delibera di Consiglio n. 48 del 23.01.2008.

Una parte di quest’area ricade nel territorio di Ceccano, lungo la S.S. 156 della Monti Lepini denominata Zona Mista e disciplinata all’interno  dell’art. 25 delle Norme Tecniche di Attuazione (NTA), che definiscono in forma scritta le regole che stabiliscono diritti e doveri della proprietà immobiliare in funzione delle trasformazioni edilizie ed urbanistiche della città e del territorio.

L’art. 25 rinvia la disciplina urbanistica delle Zone Miste alla redazione di un Piano Urbanistico Operativo Consortile (PUOC) da parte del Consorzio, d’intesa con i Comuni interessati, al fine di definire i comparti di attuazione, i tipi edilizi, la viabilità, l’organizzazione del servizio dei parcheggi e le aree destinate al verde pubblico.

Nel 2011 si è svolto un incontro tra il dirigente e i tecnici dell’Ufficio tecnico del Comune di Ceccano e quelli dell’Ufficio tecnico dell’Asi, per esaminare le proposte  ed impostazioni progettuali per la redazione del Piano Urbanistico Operativo Consortile della zona mista in questione nel territorio del Comune di Ceccano, prendendo in esame strutture già esistenti e il loro stato di fatto e i condoni edilizi rilasciati per cambio di destinazione d’uso.

Durante l’incontro, l’arch. Ruggiero ha illustrato il PUOC della Zona Mista dei Monti Lepini e le NTA in corso di approvazione.

La Commissione ha preso atto di quanto illustrato e ora non resta che attendere il riscontro del Consorzio Asi sulle progettualità proposte.

Menu