Diego Protani perentorio: “Matteo Renzi non è di sinistra, per questo voterò Bersani”

In previsione delle Primarie di Coalizione che ci vedranno impegnati a breve ho deciso di sostenere e di votare il segretario Pierluigi Bersani. Lo reputo il piu’ affidabile e il piu’ serio, ho la consapevolezza che sarà il miglior premier per la nostra nazione. Bersani è un leader, ha quell’esperienza che può garantire un futuro all’Italia.

Nonostante il clamore e i tanti slogan mediatici il sindaco di Firenze Renzi non è riuscito ad abbagliarmi. E voglio spiegare i motivi.

Non  è di sinistra chi si reca ad Arcore per parlar con un presidente del Consiglio.

Non è di sinistra sostenere quel Marchionne che sta distruggendo l’industria italiana.

Non è di sinistra chi è sostenuto da quel Pietro Ichino che non è molto innamorato dei diritti dei lavoratori.

Non è di sinistra chi vuole rottamare per forza i politici poichè la giovinezza non è sinonimo di genialità .

Non è di sinistra chi piace alla Lega Nord e al Pdl (tra cui Berlusconi ed Iva Zanicchi).

Non è di sinistra chi dichiara che gli inceneritori non provocano tumori.

Non è di sinistra chi per elezioni interne agli elettori del centro-sinistra richiama all’appello i nipotini del Msi.

Io sono di sinistra e non riuscirei mai a votare alle  primarie Matteo Renzi.

Metter il Pd e la nostra penisola in mano a Renzi è come girare La ruota della fortuna. Ma c’è da dire che questa ruota lui la conosce bene!

Menu