Elezioni Ceccano 2012 – Antonio Nalli: “Crollo copertura palasport, tutto tace”

Il consiglio comunale di Ceccano si appresta a vivere i suoi ultimi giorni di vita. A breve, infatti, si provvederà al suo scioglimento, in vista delle elezioni del prossimo 6 e 7 maggio, con le quali saranno nominati 16 nuovi consiglieri, di cui 10 per la maggioranza e 6 per l’opposizione. Eppure il consiglio comunale di Ceccano, di fatto, è come se fosse già  sciolto da tempo, poiché da mesi, svilito del suo ruolo insostituibile, non si riunisce più, nonostante i gravi episodi avvenuti sul territorio comunale, di cui la popolazione avrebbe diritto ad essere informata maggiormente.

Ne sono testimonianza eclatante le problematiche verificatesi con la precipitazione nevosa abbattutasi lo scorso mese di febbraio, la quale ha letteralmente paralizzato l’interno territorio, con danni ingenti su vari fronti, in primis sulle proprietà comunali. Non si può fare a meno di citare, ovviamente, il crollo della copertura del palazzetto dello sport. Trascorsi oltre due mesi da quell’incidente che, peraltro, avrebbe potuto provocare la morte di centinaia di persone, il Sindaco Antonio Ciotoli e l’assessore competente allo sport, ancora non hanno reso noto pubblicamente alla popolazione di Ceccano e dunque al consiglio comunale, le motivazioni che avrebbero comportato il gravissimo incidente a danno di una struttura di recente costruzione.

Proprio attraverso l’utilizzo del consiglio comunale, trovando la giusta sinergia tra le forze della maggioranza e quelle dell’opposizione, l’Ente avrebbe dovuto fare quanta più chiarezza possibile sul grave accaduto. Invece il Sindaco Antonio Ciotoli ha preferito optare per la nomina “solitaria” di un tecnico, che trascorsi oltre due mesi ancora non ha fornito alcuna delucidazione nel merito, attraverso una relazione scritta, forse, chissà, proprio per la vicinanza delle stesse elezioni comunali.
I ceccanesi, che pure stanno pagando ancora i tassi di interesse per il mutuo accesso per la realizzazione e la messa in sicurezza del PalaTiberia, si ritrovano, così, privati di un loro sacrosanto diritto: quello di ricevere una spiegazione plausibile sul crollo del Palazzetto dello Sport della città, tutt’ora privo di sigilli, alla mercé di chiunque volesse fare irruzione al suo interno. E’ accettabile tutto questo? E’ accettabile  che il Sindaco Antonio Ciotoli, con le stesse modalità con cui ha evitato per ben 10 anni, di affrontare temi importanti per la città di Ceccano, come lo sviluppo del piano regolatore generale, la difesa della struttura sanitaria e del territorio dai continui casi di inquinamento, mancando volutamente alla sua convocazione, ponga di nuovo il silenziatore su un organo di fondamentale importanza per la vita amministrativa, politica e democratica dell’Ente, nonché di garanzia e trasparenza per la popolazione?

Antonio Nalli

Menu