Elezioni Ceccano 2012: Ruspandini replica alla Tedeschi su ambiente

“Mi sorprende il proditorio attacco contro di me portato dal consigliere dell’Italia dei Valori, Anna Maria Tedeschi, da numerosi esponenti del centrosinistra provinciale e da qualche esponente locale in cerca di facile pubblicità – dichiara l’assessore provinciale all’ambiente e al turismo, Massimo Ruspandini – mi sorprende e in qualche modo mi lusinga – continua – in quanto un segnale evidente dei bruttissimi momenti che stanno vivendo in questi giorni i suoi seguaci ceccanesi nascosti intorno al volto della Maliziola usata come un salvagente visto che non hanno la possibilità di presentarsi agli elettori in quanto responsabili oltrechè del fallimento amministrativo della giunta Ciotoli del clamoroso e quanto mai sospetto crollo del Palazzetto dello Sport” “La signora Tedeschi e tutti questi suoi baldanzosi alleati – continua Ruspandini – invece di attaccarmi per la presunta perdita di un milione di euro da parte della provincia, vicenda nella quale le responsabilità sono da ricercarsi solo in una cattiva gestione delle rendicontazioni da parte dei comuni e comunque non sono addebitabili ai pochi mesi nei quali ho ricevuto la delega all’Ambiente, dovrebbero cominciare a chiedere conto ai lori compagni di ventura ceccanesi di ben altre somme: decine di milioni di euro sprecati o investiti in opere pubbliche di cartapesta o maldestramente realizzate. Sul Palazzetto dello Sport – cara Tedeschi – i suoi amici attuali compagni di merende della Maliziola hanno responsabilità enormi e mi meraviglio come, per dirla alla Di Pietro, non si oda ancora per nessuno il tintinnio delle manette”.

“Chieda quindi a loro – cara Tedeschi – di fare un passo indietro. Chieda a loro di allontanarsi dalla Maliziola invece di circondarla a turno per cercare di raccattare ancora qualche voto. Chieda a Raoni, Savone e Di Vico i suoi candidati dell’Italia dei Valori, come stanno veramente le cose. Gli chieda quante consulenze milionarie e quanti progetti evidentemente inadeguati sono stati pagati dai loro amici per giungere alla vergogna del Palazzetto crollato e al disastro più generale delle amministrazioni di centrosinistra che governano Ceccano da quarant’anni” “Sono sicuro – conclude Ruspandini – che dopo aver ascoltato le loro risposte la smetterà di attaccarmi strumentalmente e si dedicherà semmai a cercare di dare una mano a quest’armata Brancaleone alla quale aderisce a Ceccano guidata dall’avvocato Maliziola che dopo aver tentato di difendere i consumatori (spesso proprio contro il Comune) adesso malizio…samente si presta a cercare (senza alcun successo stando all’aria che si respira in città e agli impietosi sondaggi) di riportare a galla e ahime all’amministrazione della cosa pubblica, gli improponibili e vecchi arnesi della peggiore politica della nostra città”.

Menu