venerdì 7 settembre 2012

I prigionieri Ceccanesi in Gran Bretagna ( 1941-1946 ) il 22 settembre all’Antares

Sabato 22 settembre 2012 a Ceccano, dalle ore 10.30 presso il Cinema-Teatro Antares, l’associazione culturale “ Il centro del fiume”   e l’Amministrazione Comunale  di Ceccano presentano una giornata studio su ” Storie e tragedie dei   soldati  Ceccanesi  prigionieri degli  Inglesi durante la seconda guerra mondiale. Tra il 1941 e il 1946 più di 155.000 italiani furono detenuti in Gran Bretagna in veste di prigionieri di guerra. Trasferiti nella madrepatria britannica dai fronti africani per essere impiegati come contadini, con il passare del tempo gli italiani furono adibiti agli impieghi più svariati e, soprattutto dopo l’armistizio del settembre 1943, a lavori direttamente connessi all’economia di guerra. Nel lungo arco temporale della permanenza nel Regno Unito, lo status di prigionieri di guerra attribuito agli italiani non fu mai modificato e a nulla valsero l’armistizio, la cobelligeranza, la stessa opzione di cooperazione allo sforzo bellico alleato e addirittura la fine della guerra. Disprezzati dai detentori e dalla popolazione, trascurati dai governi postfascisti italiani, i prigionieri furono rimpatriati solo quando, dal 1945 inoltrato, i britannici poterono sostituire la manodopera da essi fornita con quella garantita dai prigionieri tedeschi, ma non prima di aver terminato l’ennesimo raccolto di barbabietole da zucchero. Questa pagina sconosciuta della seconda guerra mondiale,  è stata a lungo trascurata e dimenticata nel dopoguerra.

Per l’occasione sarà presente la ricercatrice Isabella Insolvibile  che presenterà il suo libro ” Wops. I prigionieri italiani in Gran Bretagna (1941-1946 ) ” edito dall’Edizioni Scientifiche Italiane .

Isabella Insolvibile  è nata a Napoli nel 1978 ed  è dottore di ricerca in Storia dal 2010 . Membro del Consiglio Direttivo dell’Istituto Campano per la Storia della Resistenza, dell’Antifascismo e dell’Età Contemporanea “Vera Lombardi” (Napoli) . È autrice di numerosi saggi relativi alla resistenza militare e alla prigionia di guerra, tra i quali si segnalano La Resistenza di Cefalonia tra memoria e storia (ANRP, 2004), Kos 1943-1948. La strage, la storia (ESI, 2010).

Tra le migliaia di soldati detenuti dagli inglesi  nei vari campi di prigionia ubicati   nei dominions Britannici ( India , Kenia , Sud-Africa  , Australia …. )  anche centottanta ceccanesi le cui incredibili  storie e le tragedie degli scomparsi in prigionia   saranno raccontate  dall’Architetto Luigi Compagnoni  attraverso  foto e documenti dell’epoca e le  testimonianze  dei pochi reduci ancora viventi.

L’ingresso è gratuito e la cittadinanza è invitata a partecipare.

PUBBLIREDAZIONALE - Un lavoro costante ed equilibrato svolto per un periodo compreso tra le sei e le otto settimane è in genere ideale per poter recuperare le facoltà motorie e reimpossessarsi della propria quotidianità.

PUBBLIREDAZIONALE - Un punto di riferimento per chi è in cerca di assistenti familiari/badanti. La sede è a Sora in viale S. Domenico n.1