9 novembre 2013 redazione@ciociaria24.net

Imu 2012. Il comune di Ceccano ha rimborsato circa 600 cittadini per un totale di 46mila euro

Sono state circa 600 le domande di rimborso IMU inoltrate al comune di Ceccano nei mesi scorsi dai cittadini possessori di prima casa.  L’ente alla data del 4 Novembre ha evaso tutte le domande per 46 mila euro.<<Una politica di bilancio che ha alleggerito il carico fiscale per i possessori di prima abitazione dimezzando – spiega il caposettore entrate Cesare Gizzi –  l’aliquota fiscale fissata dal decreto Monti dal 4 per mille al 2 per mille.>> Il Comune ha pubblicato on line sul sito istituzionale un’istanza di richiesta di rimborso, attraverso la quale, tutti coloro che hanno fatto richiesta sono stati rimborsati. Il rimborso è previsto anche per chi non ha presentato istanza secondo gli ordinari termini previsti dalle normative IMU.

<<Nel corso della campagna elettorale abbiamo promesso di dimezzare l’aliquota fissata dal governo Monti e abbiamo mantenuto l’impegno – afferma il sindaco Manuela Maliziola – compiendo così una scelta coraggiosa come Amministrazione convinti che la prima casa fosse un bene prezioso ottenuto con grandi sacrifici da parte dei cittadini di Ceccano e quindi non tassabile.>> Nell’ottica di una politica sensibile alle esigenze dei cittadini l’Amministrazione è stata una delle poche a dare seguito a questa politica di bilancio. <<Lo Stato tuttavia – aggiunge il primo cittadino – anziché premiare i comuni virtuosi come il nostro che si sono rifiutati di fare cassa tassando la prima casa, ha premiato invece chi ha agito diversamente alzando l’aliquota al 6 per cento. Motivo per il quale scriverò una lettera al Presidente dell’Anci regionale e nazionale dicendo che non è accettabile penalizzare il comune di Ceccano tagliando i trasferimenti e premiare chi invece ha incassato la tassa al 6 per cento rimborsandolo ulteriormente.>>

Menu