sabato 9 marzo 2013 redazione@ceccano24.it

Inaugurata al Castello dei Conti mostra documenti storici 1700-1900

 

castello-2

Questa mattina , nella sala degli affreschi del Castello dei Conti di Ceccano, è stata inaugurata la mostra di documenti storici riguardanti il periodo che va dagli inizi del 1700 ai primi anni del 1900, allestita dall’avvocato Gian Pio Papa, proprietario della collezione. La mostra, di alto valore storico culturale, ha come finalità di far conoscere un periodo cruciale della storia del nostro Paese, il passaggio cioè dalla frammentazione in vari Stati fino ai primi anni dell’Unità d’Italia.
I documenti presenti mettono in evidenza concretamente i diritti e i doveri che hanno regolato la vita di tutti i giorni di gente comune e non.

L’invito del Sindaco Manuela Maliziola e dell’Amministrazione Comunale di Ceccano rivolto agli alunni delle scuole medie è stato accolto con entusiasmo e partecipazione dalla Dirigente dell’Istituto Comprensivo Secondo di Ceccano e dagli insegnanti che hanno accompagnato gli alunni delle terze medie del medesimo Istituto nelle sezioni A-C-D. Gli studenti, dopo aver salutato il Sindaco Maliziola che li ha accolti, hanno ascoltato con interesse la relazione dell’avv. Gian Pio Papa, che ha illustrato i vari documenti in esposizione solleticando la curiosità dei ragazzi, mettendo in evidenza i costumi di vita di un tempo confrontandoli con quelli di oggi.

Hanno suscitato interesse e domande da parte degli studenti documenti come il testamento olografo di Giuseppe Garibaldi, redatto a Caprera il 26.09.1877, dove il Generale detta disposizioni relative alla sua sepoltura all’amico Prandina; il decreto di nomina di Giuseppe Garibaldi a Generale d’Armata, firmato da Re Vittorio Emanuele, ma riufato dallo stesso Garibaldi in segno di protesta; proclama emanato dal Generale Nino Bixio in data 09.08.1860 per sedare le rivolte contadine in alcuni Comuni della Sicilia;banconota da 20 milioni di marchi del 25.07.1923, stampata dalla Germania per i risarcimenti di guerra;decreto di conferimento di cittadinanza argentina al sign. Giuseppe Barbarano, già cittadino italiano del 23.10.1911; passaporto per l’estero rilasciato in Napoli il 26.09.1858 a favore del sign. Francesco Stone, cittadino americano per poter passare da Napoli a Roma.
In questo contesto il relatore ha spiegato le modalità con le quali venivano rilasciati i documenti di identità comparandolo con la prassi attuale.

Un ringraziamento per la riuscita dell’evento va rivolto ai volontari dell’associazione Cultores Artium che hanno aperto le sale del Castello , agli ausiliari alla sicurezza e non per ultimo alla dirigente scolastica, agli insegnanti ed agli alunni che hanno partecipato agli incontri e all’avvocato Gian Pio Papa, che ha messo disposizione documenti preziosi, originali ed autentici.
La mostra rimarrà aperta per tutta la giornata di domenica 10 marzo. Alle ore 18.00 è prevista una conferenza dell’avv. Gian Pio Papa, proprietario della preziosa collezione.

DOPO AVER LETTO QUESTO ARTICOLO MI SENTO
  • INDIGNATO
  • TRISTE
  • INDIFFERENTE
  • ALLEGRO
  • SODDISFATTO
VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO?
Per ricevere le nostre notizie su smartphone o tablet: clicca qui e scarica la nostra App gratuita
I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA