La caduta della “rossa” Ceccano: Roberto Giannetti chiede le dimissioni dei due Ciotoli

Riceviamo e pubblichiamo la seguente nota politica a firma di Roberto Giannetti.

«A distanza di due giorni da una sonora sconfitta politica del centrosinistra e la consegna della città alla destra, il segretario politico della sez. del PSI Antonio Ciotoli e il segretario di circolo del PD Nicolino Ciotoli non prendono ancora atto del disastro politico che hanno riservato al centrosinistra ceccanese. Antonio Ciotoli, con la sua politica divisiva e Nicolino Ciotoli con l’incapacità politica dimostrata, hanno portato i rispettivi partiti prima a profonde divisioni interne, mettendo infine il corpo elettorale del csx l’uno contro l’altro. Segretario del PSI il primo, da anni continua a tirare fili e muovere pedine a sua convenienza per poi buttare tutto a mare dopo l’utilizzo, mentre l’altro il segretario del pd per la sua assordante assenza, sia politica che progettuale, ha portato il pd ad una divisione mai conosciuta in tutta la sua storia.

Mentre il Ciotoli socialista fa registrare al suo partito l’assenza totale di rappresentanza in consiglio comunale (prima volta dopo 30 anni) perdendo con un sol colpo tutti i consiglieri più il sindaco uscente, il Ciotoli democratico porta un PD del 40,4 % nelle ultime europee, a raggiungere un risicato 6%, il tutto nonostante l’appoggio di una commissione (anch’essa a tratti assente e confusionaria) costruita alla bisognaper salvare il salvabile. Il disastro nella gestione delle primarie,il cui risultato si è evidenziato producendo solo divisioni all’interno del Centrosinistra, e la conduzione di una campagna elettorale mirata tutta allo scontro interno al csx, hanno evidenziato i limiti generando ancor di più una sconfitta storica per tutto il csx ceccanese.

A questo punto è doveroso aprire una parentesi e fare i complimenti al nuovo sindaco Roberto Caligiore, che ha saputo fare sintesiall’interno di un centrodestra a parer mio anche più complesso ed articolato. Auguro a Lui per una “tranquilla e armoniosa” conduzione amministrativa, ciò di cui il paese ha disperatamente bisogno. Come i cittadini hanno chiaramente indicato con il proprio voto alle urne, allontanando da Palazzo Antonelli la quasi totalità dei vecchi consiglieri, ora la politica deve avere il coraggio di chiedere un doveroso passo indietro a chi questa storica disfatta ha “sapientemente” causato, lasciando finalmente il campo a nuove generazioni che un sistema distorto ha volutamente negli anni tenuto fuori ed allontanato.

Queste mie riflessioni non pretendono di essere un’analisi politica del voto ceccanese, che altresì col tempo necessario e nelle sedi più opportune andrà sicuramente approfondita e sviscerata. Tuttavia è per onestà politica ed intellettuale che si ribadisce senza appello l’atto formale di dimissioni dei due segretari, Antonio Ciotoli del PSI e Nicolino Ciotoli del PD, e si sollecita a lasciare il campo a tanti giovani e meno giovani che pur questa campagna elettorale hanno degnamente affrontato,in forma diretta o indiretta nelle varie coalizioni di csx,e a tutti quelli che vogliono dare il proprio contributo per una politica che ha bisogno nella maniera più assoluta di rinnovarsi per poter ripartire tutti assime per una nuova stagione».

Menu