lunedì 2 settembre 2013 redazione@ceccano24.it

Mancati trasferimenti da destinare ai servizi sociali: il comune di Ceccano procede per vie legali

Il Comune di Ceccano, dopo aver infruttuosamente messo in mora il Comune di Frosinone in relazione ai mancati trasferimenti da destinare ai servizi sociali e pari ad euro 1.259.089,41,  è stato costretto a procedere giudizialmente nei confronti di detto ente.

Infatti, con lettera del 17.05.2013 il Sindaco Maliziola sollecitava il pagamento di tale somma al fine di poter, in un momento difficile come questo, aiutare le fasce più deboli della popolazione fabraterna alla luce delle difficoltà economiche che molte famiglie si trovano a dover affrontare nella crisi che purtroppo attanaglia il nostro Paese.

Le somme richieste erano dovute all’Amministrazione Comunale a titolo di trasferimento regionale per i fondi di cui ai piani di zona, già accreditata dalla regione Lazio in favore del comune di Frosinone e non trasferita come dovuto al comune di Ceccano.

Nonostante reiterate richieste, senza esito, il Sindaco Maliziola si è rivolta al Presidente della Regione Lazio Zingaretti, richiedendo alla Regione stessa, in qualità di organo di indirizzo e controllo sul corretto funzionamento dei servizi sociali del territorio, di sospendere i pagamenti diretti al Comune di Frosinone e di destinarli direttamente all’ Ente destinatario, in questo caso il Comune di Ceccano, utilizzando forme di erogazione delle risorse economiche più efficaci.

Il Sindaco Maliziola, inoltre, ha rivolto un invito anche ai Sindaci dei Comuni del Distretto B (Amaseno, Arnara, Boville Ernica, Cstro dei Volsci, Ceprano, Falvaterra, Ferentino, Fumone, Giuliano di Roma, Morolo, Pastena, Patrica, Pofi, Ripi, S.Giovanni Incarico, Strangolagalli, Supino, Torrice, Vallecorsa, Veroli, Villa S.Stefano) a voler aderire alla richiesta inoltrata dalla stessa ad individuare forme alternative di gestione delle risorse regionali, soprattutto in un settore altamente delicato come quello dei Servizi Sociali per dare risposte concrete e puntuali ad un numero sempre crescente di cittadini che, a seguito della profonda crisi economica che investe l’intero territorio, quotidianamente si trovano ad affrontare enormi difficoltà per soddisfare i loro  bisogni e chiedono un aiuto immediato e concreto alle amministrazioni di riferimento.

DOPO AVER LETTO QUESTO ARTICOLO MI SENTO
  • INDIGNATO
  • TRISTE
  • INDIFFERENTE
  • ALLEGRO
  • SODDISFATTO
VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO?
Per ricevere le nostre notizie su smartphone o tablet: clicca qui e scarica la nostra App gratuita
I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA