Antonio Nalli: “Manuela Maliziola spieghi ai ceccanesi cosa farà dello staff legale dell’Ente in caso di vittoria”

E’ giunto il momento da parte dei candidati a Sindaco di rispondere a delle domande ben precise. Qualcuna in particolare la voglio rivolgere all’Avvocato Manuela Maliziola, candidato dell’area di centro sinistra che fa riferimento in modo particolare ad Antonio Ciotoli, Giovanni Montoni e Gianfranco Schietroma. L’attuale Sindaco Antonio Ciotoli, suo padrino di questa campagna elettorale, alcuni anni fa ha istituito in aggiunta al suo staff personale di segreteria, la figura di un avvocato, motivando l’enorme spesa pubblica che l’assunzione avrebbe comportato, come la necessità di dotare l’Ente di un ufficio legale di competenza. In questi anni tale ufficio legale non si è occupato di risolvere e difendere in prima persona l’Ente, in una sola controversia giuridica che lo ha visto coinvolto.

Il Comune di Ceccano, infatti, sempre più sommerso da cause di ogni tipo (civile, penale, giudice di pace, del lavoro, Tar…), è stato così costretto a rivolgersi ad altri professionisti, deliberando centinaia di incarichi affidati a studi professionali esterni che sono costati e continueranno a costare un occhio della testa. Una circostanza che ha contribuito ad incrementare sempre più una spesa pubblica che poteva essere tranquillamente ridimensionata, ricorrendo a delle trattative pacifiche, piuttosto che agli scontri nelle aule di Tribunale competenti.

Su tutte mi preme ricordare la vergognosa questione del parcheggio all’interno del giardino dell’oratorio della Parrocchia di Santa Maria a fiume. Dico vergognosa perché si voleva espropriare parte di quel terreno per realizzare, badate bene, un parcheggio di soli 12 posti auto, quando a pochi metri di distanza vi è tutt’ora un’area (quella dismessa della centrale Enel) dove si potrebbe realizzare un parcheggio di almeno 50 posti auto. La domanda che pongo al candidato a Sindaco Manuela Maliziola è la seguente: in caso di una sua vittoria, manterrà l’attuale staff legale dell’Ente e di conseguenza tutte le spese che esso comporta, specie in questa situazione di difficoltà economica degli Enti pubblici, o essendo lei un Avvocato, prenderà cura in prima persona delle vicende giuridiche che vedono coinvolto il Comune di Ceccano?

Mi risulta altresì che, in questi anni, i membri del medesimo staff legale, insieme alla segretaria del Sindaco (la stessa che pagata dai cittadini si reca presso le emittenti televisive locali per rispondere a delle domande), abbiano timbrato regolarmente il cartellino, pur non avendone i requisiti in quanto dipendenti con contratto a tempo determinato, ovvero a scadenza del mandato elettorale del primo cittadino Antonio Ciotoli. Vi è il rischio che con il timbro giornaliero del loro cartellino, da oltre 5 anni a questa parte, le stesse possano dover essere assunte mediante ricorso posto in essere dinanzi al Giudice del lavoro?

Antonio Nalli

Menu