29 febbraio 2012 redazione@ciociaria24.net

Maurizio Cerroni: “Il Sindaco di Ceccano lo sceglono i ceccanesi!”

Oggi, 28 febbraio 2012, da un articolo uscito sul quotidiano “La Provincia” apprendo che Gianfranco Schietroma mi invita a fare il famoso “passo indietro”, per lasciare spazio… non si sa bene a chi!!! Senza scendere nel merito del contenuto dell’intervista rilasciata, mi preme ricordare che, innanzitutto, appare poco elegante che sia una voce, totalmente estranea al territorio ceccanese, ad assumere la pretesa di voler coordinare, dall’alto, il panorama delle elezioni amministrative della nostra città. Appare, infatti, poco democratico che un soggetto, Gianfranco Schietroma, ben noto nel panorama politico provinciale, voglia pretendere di decidere chi siano i candidati a Sindaco della nostra città, facendo leva sull’antico giochetto del ricatto. Infatti, è abbastanza palese, nonché triste, che egli mi inviti a fare un passo indietro facendo quasi trasparire che, in caso di mia candidatura, verrà meno l’appoggio socialista al Partito Democratico alle prossime elezioni amministrative di Frosinone. Questi sono ricatti che, soprattutto nell’attuale contesto storico, appaiono davvero raccapriccianti!!! Infatti, ogni città (sia essa Ceccano come Frosinone) ha il sacrosanto diritto di scegliere, liberamente, chi sia il proprio Sindaco e chi siano i propri Consiglieri; anche perché, quello delle amministrative, è l’unico vero voto ancora in mano a noi cittadini, completamente spodestati del diritto di scegliere chi ci deve rappresentare. Perciò, mi preme ripeterlo, la scelta degli amministratori spetta solo ai cittadini, e non a soggetti completamente avulsi da Ceccano; perciò, a prescindere dal risultato che fuoriuscirà dalle urne, non è (ora più che mai) tollerabile chi, facendo la voce grossa, pretenda di decidere, in anticipo e dal proprio salotto, i soggetti che concorreranno alle elezioni amministrative. A tutto ciò, si aggiunge il fatto che, a Ceccano, alcune forze politiche, con un’accelerazione unilaterale, hanno di fatto sancito la rottura con il centro sinistra, in quanto sono state rifiutate le proposte sulle primarie di coalizione, né presa in considerazione la possibilità di scegliere tra una rosa di candidati proposta dai vari partiti, né tantomeno c’è stata alcuna apertura sul programma. Infatti, sono stati questi comportamenti di rottura, di alcune delle forze politiche di coalizione, finalizzati a isolare il PD, che hanno indotto il Partito Democratico a scendere in campo con tutte le sue forze, ben consapevole del suo ruolo di prima forza democratica del paese; il PD, infatti, all’unanimità, ha deciso di esprimere una propria candidatura. Ad oggi, pertanto, il Partito Democratico, con grande determinazione e lealtà, intende scendere in campo con tutta la sua forza per dare vita a una forte, nuova e compatta coalizione radicata sul territorio che, oltre a vincere, mira a dare un governo stabile e competente al territorio di Ceccano. Questo panorama induce il PD ad andare avanti facendo mille passi in avanti e nessun passo indietro: la parola ai cittadini!

Maurizio Cerroni

Menu