Roma e Di Legge: In città aria sempre più favorevole a Ruspandini

 

<Il Pdl è qui ed è con Ruspandini. Unito e determinato, oggi più che mai, a centrare una vittoria storica ormai davvero a portata di mano. Massimo è il candidato unitario del Pdl ed è il migliore che il partito potesse mettere in campo, così come la coalizione che lo sostiene è la più forte di sempre mai schierata dal centrodestra ceccanese>.

Lo hanno ribadito ieri mattina nella sede del Pdl fabraterno Adriano Roma e Alessandra Di Legge nel corso di una conferenza stampa svoltasi in occasione del loro insediamento quali, rispettivamente, commissario e vice commissario del Popolo della Libertà cittadino. Un incarico pro tempore finalizzato a supportare il partito in occasione della campagna elettorale e che non va a sovrapporsi ad alcun organismo o persona, visto che il Pdl a Ceccano non aveva apparati dirigenziali in carica. Roma ela DiLegge(il primo anche vicecoordinatore provinciale del Pdl e la seconda consigliere comunale di Ferentino) hanno proseguito: <Gli ingredienti per vincere ci sono tutti e in città si respira un’aria sempre più favorevole verso Ruspandini e l’ampia coalizione che lo sostiene. Un gruppo che vuole andare oltre il Pdl e il centrodestra e che guarda a tutta la società civile di Ceccano, indipendentemente dal colore politico, ad una popolazione stremata da anni di pessima amministrazione, di mancato sviluppo, di regresso in tutti i campi e che ora vuole cambiare. E con noi il rinnovamento vero, la svolta, il rilancio di Ceccano sono possibili. Lo sono grazie ad un progetto amministrativo serio ed innovativo, ad una squadra composta da persone nuove, motivate e preparate, alla straordinaria voglia di fare che anima ogni singolo candidato. Ruspandini, il Pdl e il centrodestra sono un vero fiume in piena. Forti di tutto ciò cercheremo di vincere subito, al primo turno, per metterci immediatamente al lavoro, ma siamo pronti anche ad affrontare un eventuale turno di ballottaggio, certi che altri 15 giorni di tempo servirebbero a far capire ancora meglio ai ceccanesi il nostro programma ma sicuri anche che nell’uno-contro-uno, qualsiasi dovesse essere l’avversario, Ruspandini non avrebbe rivali>.

Quanto al programma,la Di Leggeha rimarcato: <La base è già pronta da tempo. E’ scritta nelle tante battaglie che il centrodestra di Ceccano ha condotto negli anni per l’ambiente, lo sport, i giovani, il lavoro>. Poi un messaggio agli avversari affinchè la campagna elettorale <sia sobria e nel segno del reciproco rispetto, politico e personale. Noi garantiamo tutto ciò, ci auguriamo che lo facciano anche gli altri>.

Dopo aver ringraziato Adriano Roma ed Alessandra Di Legge, Massimo Ruspandini ha dichiarato: <Per colpa del centrosinistra Ceccano ha raggiunto il fondo, è sul baratro, ma dalle sue rovine è possibile farla rinascere: questo è il nostro obiettivo. Perché deve essere chiaro a tutti che questa non è la battaglia di Massimo Ruspandini ma è la battaglia di Ceccano, di una città che vuole risorgere e tornare a vivere. Ceccano deve riappropriarsi della centralità che in passato aveva in questa zona della provincia, deve tornare ad essere attrattore di cultura, di sport, di iniziative per il lavoro, l’ambiente, il sociale. Con noi è possibile. In campo avremo liste fortissime composte per la maggior parte da persone nuove, ma altamente qualificate e motivate. Puntiamo a schierare sette liste, che il 6 aprile, all’atto della loro presentazione, faranno capire a tutti qual è la nostra vera forza. Ci sarà il Pdl, unito e compatto, ci sarà l’Udc, e poi altre liste di partito, liste civiche ed una lista composta da tutte donne che sarà il nostro fiore all’occhiello. Faremo una campagna serena e costruttiva, con il sorriso sulla bocca>.

Significativi anche gli interventi di alcuni dei candidati del Pdl già certi e presenti alla conferenza stampa: <Noi – hanno detto in coro – abbiamo sposato una battaglia di civiltà. Non ci interessa chi riuscirà purchè a vincere sia il progetto di Ruspandini. Il nostro obiettivo è partecipare al progetto di vittoria e rinascita di Ceccano>. E poi una stoccata agli altri candidati: <Sono tre, tutti e tre del centrosinistra: due socialisti ed un comunista. Del centrodestra c’è solo Massimo Ruspandini>.

Ceccano, 10 marzo 2012

Press Office

Massimo Ruspandini


 

Menu